Lo standard come strumento di evoluzione

standard-lean-operae-partnersLo standard nel Lean è lontano anni luce da “un modo universale” di fare le cose. È il frutto della costatazione della mancanza di competenza, che porta a una difficoltà operativa.

Che sia globale, per un team, o individuale, il suo primo obiettivo è quello di far fronte a un errore tecnico dovuto a un gesto sbagliato e di permette alle persone di sviluppare la conoscenza del proprio mestiere.

Perché uno standard?

Per rispondere a un gap di performance. Il lean cerca sempre un modo migliore di fare il proprio mestiere per poter consegnare prodotti o servizi di qualità in linea con le attese del cliente. L’intenzione è quella di contribuire alla riduzione dei tempi e dei costi (eliminazione degli sprechi), coinvolgendo le persone nella risoluzione di problemi (PDCA) in vista dell’accrescimento delle loro competenze tecniche. In altre parole: diventare più competitivi della concorrenza.

Lo standard come supporto di formazione

L’apprendimento personale generato da un PDCA (individuale o di gruppo) si traduce spesso in uno standard. Questa tappa permette la materializzazione di una sperimentazione riuscita e la condivisione con gli altri membri del team. Lo standard sarà applicato solo dopo esser stato convalidato e, perché no, migliorato, da tutto il team.

Si cerca di fissare – per le tappe rischiose di una attività (attività principali sulle quali i collaboratori fanno degli errori o si bloccano spesso) – i punti chiave di controllo per evitare ogni difetto di produzione, e spiegarne la ragione. Dando un senso a una determinata attività, la nozione di controllo, spesso giudicata come una costrizione, diventa chiara e giustificata.

Il documento permette di accompagnare la formazione di ogni membro del team sul posto di lavoro, e di favorire l’accrescimento delle competenze.

Uno standard evolutivo

Ben poche cose sono immutabili nel tempo e lo standard non scappa a questa regola. Viviamo in un’epoca in cui le aziende sono in perenne riorganizzazione e devono integrare nei propri modi di funzionamento il digitale per rispondere alle nuove attese del cliente. Di fatto, uno standard è portato a evolversi seguendo questi criteri.

Articolo originale di Paul Gette

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...